Coscienza

Davanti all’abbraccio di cielo e mare, nel quale gli azzurri si fondono senza soluzione di continuità, la montagna, aspra, ma di una bellezza struggente ed un selvaggio che sa spogliarti di ogni vanità, ti spiega il rispetto per te stesso ed il tuo intorno.

E ti dona una forza, che è poi fondamentalmente coraggio, della quale non sapevi e non ti è dato sapere, capace di  trasformare i vuoti di ogni assenza, in un farsi presenza.

Sa di nuovo, eppure è una rivelazione senza tempo. Anche per te, frammento di un infinito oblio, di quell’apparente nulla, senza principio né fine, capace di assurgere ad esperienza e svincolarti dalle catene di una perpetua inconsapevolezza.

Scevro da ogni ambizione di eterno e sgravato dal fardello di qualsiasi sentimento di urgenza,  fiero della tua precarietà, smetti allora di sfiorare per attraversare, e ti riscopri ad accogliere e portare, e a non avere più bisogno di cercare.